Line separator

RAHAMIM

LA DIVINA MISERICORDIA NELLA PAROLA DI DIO

San Giovanni Paolo II, Dives in Misericordia, nota 52

Nel descrivere la divina misericordia, i libri dell'Antico Testamento della Bibbia usano due espressioni in particolare, ognuna con una diversa sfumatura semantica: hesed e rahamim.

 

 

Hesed

 

Il termine hesed indica un profondo atteggiamento di "bontà". Quando questo è stabilito tra due individui, non si augurano solo reciprocamente bene; sono anche reciprocamente fedeli in virtù di un impegno interiore, e quindi anche in virtù di una fedeltà a se stessi. Dato che hesed significa anche "grazia" o "amore", ciò si verifica proprio sulla base di questa fedeltà. È un amore che dà, un amore più potente del tradimento, una grazia più forte del peccato. Questa fedeltà di fronte all'infedele "figlia del mio popolo" (cf. Lam 4,3, 6) è, in breve, da parte di Dio, fedeltà a se stesso.

 

 

Rahamim

 

Mentre hesed evidenzia i segni della fedeltà a se stessi e della "responsabilità del proprio amore" (che sono in un certo senso caratteristiche maschili), rahamim, nella sua stessa radice, denota l'amore di una madre (rehem = grembo materno). Dal legame profondo e originale - in verità l'unità - che collega una madre al suo bambino nasce una relazione particolare con il bambino, un amore particolare.

 

Di questo amore si può dire che è completamente gratuito, non meritato, e che sotto questo aspetto costituisce una necessità interiore: un'esigenza del cuore. È, per così dire, una variazione "femminile" della fedeltà maschile all'io espressa dal hesed.

 

In questo contesto psicologico, rahamim genera tutta una serie di sentimenti, inclusi bontà e tenerezza, pazienza e comprensione, cioè prontezza a perdonare.

 

L'Antico Testamento attribuisce al Signore proprio queste caratteristiche quando usa il termine rahamim nel parlare di Lui. Leggiamo in Isaia:

 

"Si dimentica forse una donna del suo bambino,

così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere?

Anche se queste donne si dimenticassero,

io invece non ti dimenticherò mai" (Is 49,15).

 

Questo amore, fedele e invincibile grazie al misterioso potere della maternità, è espresso nei testi dell'Antico Testamento in vari modi: come salvezza dai pericoli, specialmente dai nemici; anche come perdono dei peccati degli individui e anche di tutto Israele; e infine nella disponibilità a soddisfare la promessa (escatologica) e la speranza, nonostante l'infedeltà umana, come leggiamo in Osea:

 

"Io li guarirò dalla loro infedeltà,

li amerò di vero cuore" (Os 14,5).

 

Gesù Cristo è la perfetta rivelazione e incarnazione di questo hesed e rahamim.

 

Padre Hayden considera rahamim come il cuore del suo ministero nel dare a Gesù Cristo agli altri nella potenza dello Spirito Santo manifestata nell'amore misericordioso e compassionevole del Padre.

 

Il Logo

 

Il logo, un disegno astratto dell'artista maltese Jennifer Lonfat, raffigura Gesù Cristo crocifisso come l'incarnazione dei rahamim del Padre.

 

Sulla croce, Gesù trasforma il suo rifiuto da parte dell'umanità in misericordia e compassione per tutto il mondo mentre si abbandona all'amore misericordioso del Padre che lo resuscita dalla morte nella potenza dello Spirito Santo.

 

La croce è abbracciata dal tenero amore materno (rahamim) di Maria per l'umanità, che riceve sulla sua mano tesa il sangue - essendo qui personificato da un feto - che esce dal costato ferito di suo figlio Gesù.

 

Le rapide pennellate trasmettono la fedeltà del Padre (emet) verso l'umanità, mentre lo sfondo bianco ritrae la nascita della chiesa come la comunità dell'amore misericordioso.

P. Hayden prenderà nota delle tue richieste di preghiera e pregherà per te, ma non promette di risponderti

RICHIESTA DI PREGHIERA